Attenti alla «Banda dei Colori». Eccentrici investigatori per risolvere casi impossibili
La Nazione, 30-03-2021, ––
«Come in una specie di grottesco gioco di società, ognuno dei presenti indossa un capo d’abbigliamento di colore differente: Marazzita ha una camicia gialla a maniche corte, Bargigli una maglietta rossa, Amato una specie di giacchetta verde pisello e la Roversi un top di colore rosa a righe verticali, banalmente simile a quelli che si usano per andare in palestra. Né più né meno come fossero pedine del Trivial Pursuit, o di un fantomatico gioco di società di cui ignoro i contenuti». La Banda dei
Colori può sembrare eccentrica, ma è un gruppo che, un po’ come le Iene di Trarantino, deve essere preso sul serio. Lo scoprirà il protagonista de «L’ostentatore» (Editore Pagliai, collana «Giallo & Nero», pp. 256, euro 16), l’originale romanzo d’esordio di Stefano Cirri. In campo dunque una squadra che ha obiettivi ben precisi e svolge indagini con la tenacia e la serietà del più efficiente e rodato team investigativo. I casi che affrontano non sono semplici: Alessandro se ne
renderà conto quando resterà sempre più coinvolto nella vicenda dell’«uomo con la Ferrari Gialla» (il misterioso “ostentatore” che dà il titolo al libro) immergendosi in una storia di violenza e vendetta. L’enigma che si trova a dover sciogliere troverà soluzione solo alla fine di un originalissimo romanzo che ha i crismi del thriller psicologico, ma che difficilmente può essere collocato in un filone ben preciso vista la freschezza degli spunti e delle soluzioni narrative. 
L’ostentatore