Il combattente di una vita difficile ma bellissima
Corriere fiorentino, 07-01-2021, Caterina Baronti
Arrivato a settant’anni dopo aver rischiato di morire a soli ventidue, il foianese Nevio Minici, ha deciso di raccontare la sua vita nel libro «Se non puoi camminare... corri» (Pagliai Editore). Paraplegico a seguito di un infortunio mentre stava facendo il «delinquente», con una narrazione diretta, emozionale
e anche autocritica, ripercorre le tappe, le proteste e le occupazioni che lo hanno portato a diventare la voce per i diritti di tutti quelli in sedia a rotelle come lui. Nel 1982, infatti, ha fondato l’Associazione Toscana Paraplegici, ancora oggi in funzione, ma non avrebbe raggiunto i suoi altri traguardi,
personali e lavorativi, senza i suoi genitori e la moglie Andrea, sua infermiera in Germania. Ben consapevole di ciò che significa voler morire, Minici, riversa in queste pagine tutto il suo spirito da combattente e amante della vita che «seppur diversa o difficile, è ugualmente bellissima».
Se non puoi camminare… corri!