La sua storia in un libro
La Nazione, 24-01-2018, Paolo Fabiani
Si intitola «Il peso di una briciola» e in esso è contenuta la vicenda umana di una ragazza che non si è voluta arrendere davanti alle prospettive che le riservava il futuro. «Ho voluto scrivere questo libro – dice Pamela – perché tutti sapessero cosa significa una vita in carrozzina. E poi per ringraziare tutti coloro che mi sono stati sempre vicini, dai miei genitori, agli amici che non mi hanno fatto mai sentire sola». Una quindicina di anni fa per Pamela ci fu una vera mobilitazione
di massa, con migliaia di persone che parteciparono a una fiaccolata promossa dall’allora sindaco di Incisa Manuele Auzzi, per protestare contro le autorità sanitarie che non passavano alla famiglia Pieralli delle costose medicine che si trovavano allora solo in Svizzera. L’intero Valdarno seguì Pamela, parteciparono anche i ’media’ nazionali, perché – era la primavera del 2003 – non era possibile che la burocrazia mettesse a rischio la vita di una bambina. Quella manifestazione
ha fatto da apripista a molte iniziative di solidarietà, ed è allora che è stata fondata l’associazione «Gli amici di Barberino», dal nome della frazione a sud di Incisa dove abita Palema. Amici e affetti che da sempre hanno aiutato questa coraggiosa ragazza a superare questo e tutti gli ostacoli che questa malattia degenerativa neuromuscolare porta. La presentazione del libro di Pamela, sabato pomeriggio è aperta a tutti. Una lezione di vita che fa riflettere.  
Il peso di una briciola