Un viaggio nel tempo. Storia d’amore e d’azzardo
QN - Il Resto del Carlino - La Nazione - Il Giorno, 14-10-2017, Olga Mugnaini
Si viaggia nel tempo, nel paranormale e nel regno dei vizi, quali il gioco d’azzardo. E tutto è così assurdo da sembrare vero. Caterina Ceccuti, col suo secondo romanzo Le geometrie dell’amore pubblicato da Mauro Pagliai Editore, compie il piccolo miracolo che porta il lettore nella sospensione dell’incredulità per regalare una storia d’amore
profumata di libri e della cultura d’altri tempi. A suggerire l’atmosfera bastino le parole della protagonista, la giornalista Silvia Liguori: «In realtà io non solo sono riuscita ad arrivare nel 1910 dal futuro, ma riesco pure a tornare nel mio tempo». Un via vai negli anni per salvare il suo “Nic”, Nicanore Morelli, giocatore
d’azzardo a un passo dalla galera, di cui è follemente innamorata. Con un problema: a separarli c’è quasi un secolo di storia. Spetterà al reporter della rivista fiorentina d’inizio ’900 ‘‘Bric à Brac’’, Riccardo Sirigatti, districarsi in questo assurdo temporale e così seducente.
Le geometrie dell’amore