La guerra di Martina
Il Fatto Quotidiano, 13-09-2014, Camilla Tagliabue
Non tutte le donne vengono da Venere: Martina, come dice il nome, viene da Marte, e infatti “va alla guerra”. Così, almeno, ci racconta Antonella Manzione, autrice nel 2010 di un corposo romanzo e famosa per essere stata chiamata da Renzi a dirigere il Dipartimento
affari giuridici della Presidenza del consiglio. Ma la politica, nel libro, non c’entra; questa è la storia di una donna di mezza età, sola con figlia a carico, volitiva e concreta, nonché stimata dirigente d’azienda: agli occhi del suo nuovo
capo, Martina è la vittima perfetta da mobbizzare. Dopo tanti soprusi, la protagonista si ribella, intentando una causa contro il suo aguzzino. Non ci saranno “vincitori o vinti, soltanto macerie”: la pace è un faticoso, lavorio interiore.
Martina va alla guerra