Francesco Antonini. La vita e le intuizioni di un geriatra
Toscana Medica, 01-08-2014, Niccolò Marchionni
È uscito in questi giorni il libro Francesco Antonini. La vita e le intuizioni di un geriatra, opera di Giovanna Ferretti, presentato il 28 giugno scorso presso la Biblioteca Comunale di Bagno a Ripoli da Giancarlo Pepeu, farmacologo e insigne ricercatore, Professore Emerito dell’Università di Firenze, che di Antonini è stato collega della Facoltà medica e intimo amico per oltre 30 anni. Giovanna Ferretti, segretaria dell’Istituto di Gerontologia e Geriatria sin dagli anni ’70, della carriera accademica di Francesco Antonini è stata quindi quotidianamente partecipe, vedendo entrare anche il sottoscritto – in qualità di studente interno –in quel gruppo di allievi che hanno avuto il privilegio di condividere le idee,
gli entusiasmi, le intuizioni ricordante anche nel sottotitolo del libro, del nostro vulcanico Maestro. Che è stato sempre un passo avanti a tutti: primo in Europa a ricoprire una cattedra di Geriatria (1958, a 38 anni!); primo in Italia a diffondere idee sulla riabilitazione in geriatria con la fondazione di un grande e glorioso centro di riabilitazione (l’Ospedale INRCA “I Fraticini”); primo a fondare una Scuola per Terapisti della Riabilitazione sin dagli anni ’70, quando ancora di Lauree Triennali di Area Sanitaria neppure si parlava; tra i primi in Italia a fondare una Unità di Cura Intensiva (1969!) perché, secondo l’ennesima intuizione, “le cure in tempo reale sono soprattutto necessarie negli anziani fragili, con ridotte capacità
omeostatiche”; primo a volere un ospedale aperto ai familiari, perché ritenuti utili al processo di cura (basti pensare che solo nel 2012 la Consulta Nazionale di Bioetica ha pubblicato definitivamente un documento di raccomandazione nazionale sulle terapie intensive aperte). Una vita, dunque, di primati e intuizioni anticipatorie, alle quali noi allievi abbiamo cercato, pero con qualche successo, di dare robustezza scientifica. Il libro di Giovanna Ferretti ripercorre, raccontate con passione da una testimone diretta divenuta ella stessa allieva del Maestro, tutte le tappe di questo straordinariopercorso accademico e umano. E ce le restituisce, anceh attraverso una accurata ricostruzione documentale, vivide e palpitanti come fossero di oggi. Grazie, Giovanna!
Francesco Antonini
La vita e le intuizioni di un geriatra