Da Firenze un buon libro di vita
Cammino, 20-02-2014, Gianni Failla
“Insegnaci a contare i nostri giorni - La mia vita dalla Sicilia a Firenze” è in libro autobiografico che si legge con crescente interesse. Carmela Grande, autrice ex insegnante di Storia e Filosofia, si definisce “semplice cristiana”, ma deve pure essere una “nota” cristiana se il cardinale Silvano Piovanelli le dedica l’autorevole “presentazione” del libro, indicando la sua “tensione gioiosa a vivere in modo da ridare l’anima alla città di oggi”.
/> La storia dell’avolese Grande è altamente positiva, dona “una mano per sostenere le fatiche degli altri e per indicare qualche alba di speranza”,
Le pagine del libro contengono riflessioni ispirate da una profonda fede e da affascinanti esperienze quotidiane.
Esperienze di persone creative che hanno mostrato come la vita sia ricca di compensazioni, se l’ami.
Con linguaggio semplice, la pubblicazione testimonia come nell’attuale realtà la vita cristiana
può davvero divenire annuncio di cieli nuovi e terre nuove; può essere un sì gioioso alla bellezza e all’amore di Dio.
Le 82 pagine sostanzialmente ci dicono che ogni giorno si può rendere grazie delle cose belle: un sorriso, un incontro, un impegno.
Ed un grazie da Siracusa va certamente indirizzato a Firenze, al cuore libero e saggio della lontana ma vicina Carmela Grande, perché nel suo volume il lettore ritrova la freschezza della voglia di vivere.
Insegnaci a contare i nostri giorni
La mia vita dalla Sicilia a Firenze