In fondo al mar
Vie del Gusto, 01-08-2012, Gilda Ciaruffoli
Con lo scrittore Andrea Gamannossi ci tuffiamo nel suo libro, un po’ raccolta di racconti, un po’ (non) ricettario

Come mai il sol leone sembra accendere la voglia di noir?
Da sempre l’estate porta in molti di noi il desiderio di leggere qualcosa di enigmatico, imperscrutabile, sotto l’ombrellone o al fresco di una pineta. Forse l’aria stessa, il caldo ci stimolano in questo senso. A me capitava anche da bambino: durante
le vacanze leggevo quei libriccini di paura da ragazzi, senza sosta. Da grande poi sono passato ai gialli classici e anche ai thriller degli scrittori americani.

Qual è il “suo” mare e qual è il mare protagonista dei tre racconti?
Il mio mare è quello della fuga, dell’evasione dal quotidiano. Quello invece protagonista dei tre racconti è un mare che nasconde qualcosa di malefico, di malvagio. Ma in
definitiva il mare si può trasformare di volta in volta: può essere dolce e mite in un pomeriggio d’estate, mugghiante e cattivo durante una tempesta invernale.

E le ricette da dove vengono?
Oltre al noir e al giallo l’altra mia grande passione è la cucina. Tutte le ricette contenute in questo libro, sono una mia ideazione. Alcuni consigli mi sono stati suggeriti dal mio amico, e grande Chef, Amerigo Capria.
Oh mare nero…
3 noir e 21 ricette d’acqua salata