Mauro Pagliai Editore | Firenze | Scheda Libro

Fascista da morire

Mauro Pagliai, 2015

Pagine: 204

Caratteristiche: br.

Formato: 12,2x20

ISBN: 978-88-564-0315-2

Collana:

Le ragioni dell’Occidente, 25

Settore:

L2 / Romanzi

€ 11,05

€ 13 | Risparmio € 1,95 (15%)

Quantità:
“Un libro straordinario e disperato” (Giampaolo Pansa)

Agosto 1944: a Firenze entrano gli Alleati, i partigiani sfilano per le vie della città, la gente applaude i liberatori.
La Resistenza antifascista ha vinto. Ma c’è una Resistenza fascista che non si dà per vinta. E spara dai tetti. C’è chi li chiama cecchini, chi franchi tiratori: tirano addosso al nemico per un misto di fede, rabbia e disperazione. Vogliono dargli filo da torcere; sanno che durerà poco, ma chi la dura, in qualche modo la vince. O no?
Comunque Mario, allevato alla scuola di Berto Ricci, poeta, matematico e fondatore dell’“Universale”, vuole anche lui essere della partita. Vuole sparare, in nome di quel che resta del Fascismo. Ad animarlo, il ricordo di Berto e della sua lezione di vita; la complicità morale con gli amici che si sono fatti ammazzare; l’amore per una ragazza più sognata che conosciuta; lo strano vincolo amicale che lo lega a Romano Bilenchi, già fascista e amico di Berto, ed ora comunista e comandante partigiano, che cerca di dissuaderlo dai bellicosi propositi e gli dà tanti buoni consigli per farlo rinsavire. Anche se, in realtà, Mario gli va bene così com’è: una passione che ha bisogno di bruciare.

I edizione: settembre 2015
I ristampa: febbraio 2016