Mauro Pagliai Editore | Firenze | Scheda Libro

Sognando la rivoluzione
La sinistra italiana e le origini del ’68

Mauro Pagliai, 2008

Pagine: 272

Caratteristiche: ill. b/n, br.

Formato: 15x21

ISBN: 978-88-564-0023-6

Collana:

Cronaca e storia | Biblioteca di ricerca, 2

Settore:

SS1 / Politica

DSU1 / Storia

€ 12,75

€ 15 | Risparmio € 2,25 (15%)

Quantità:
Finalista Premio Carver 2008
Nel quarantennale dalla contestazione un’analisi senza remore ideologiche sulle profonde origini del ’68

Il Sessantotto non è stato un evento casuale, né totalmente imprevisto. Certo ha colto di sorpresa molti protagonisti della scena politica e culturale dell’epoca, ma avvisaglie si erano già avute negli anni precedenti. Soprattutto, qualcuno stava da tempo sognando che qualcosa del genere potesse avverarsi, qualcosa di simile a una situazione insurrezionale, se non la “Rivoluzione” vera e propria. Chi erano questi “qualcuno” e dove si collocavano nella società e nella politica dell’Italia degli anni Sessanta? Il libro ricostruisce la topografia di quella sinistra che dopo il 1956 cominciò a criticare in modo sempre più duro e sistematico la sinistra dei partiti e dei sindacati istituzionali. Nell’esame della genesi della sinistra extra-parlamentare, dalle riviste neo-marxiste ai gruppi di intervento nelle fabbriche, sono così rintracciate alcune delle ragioni fondamentali per le quali il Sessantotto italiano è stato forse il primo moto di contestazione studentesca a esplodere in Europa e senz’altro l’ultimo ad esaurire la propria carica antagonista. Il Sessantotto in Italia durò oltre dieci anni, ma dieci anni erano stati quelli necessari alla sua incubazione.
Con un’attenzione particolare all’universo politico e ideologico della sinistra, dentro e fuori Pci e Psi, è di questo “decennio di preparazione” alla “contestazione globale” che il libro narra la storia. Molti i protagonisti: Togliatti e Longo, Panzieri e Tronti, Negri e Sofri, Piperno e Scalzone, e tanti altri ancora.