Mauro Pagliai Editore | Firenze | Scheda Libro

Matrimonio di sangue

Mauro Pagliai, 2007

Pagine: 216

Caratteristiche: br.

Formato: 11,5x21

ISBN: 978-88-596-0192-0

Collana:

Biblioteca del viaggiatore | Narrativa Italiana e Straniera, 2

Settore:

DSU1 / Storia

L2 / Romanzi

Vedi:

Franco Cardini

€ 10,20

€ 12 | Risparmio € 1,80 (15%)

Esaurito

Il libro potrebbe non tornare disponibile
Quantità:
Prefazione di Franco Cardini

L’eroina del racconto è “la Pia”, quella fatta da Siena e disfatta dalla Maremma, come la ricorda il Poeta: non però il diafano personaggio del quale erano piene, fino a pochi decenni fa, le storie che si cantavano nelle fiere, bensì un personaggio di sicuro spessore storico, Pia di Ranuccio Malavolti. La storia proposta è attenta a quel che sappiamo delle vicende di quel tempo ma ha un ritmo “nostro”, contemporaneo, da film o da fiction televisiva. Chi è ghiotto di storie, e di storie della nostra bella terra toscana, è servito
Dalla Prefazione di Franco Cardini

La vicenda inizia un pomeriggio di settembre del 1285 nei pressi di Fròsini, a una ventina di miglia da Siena: due agostiniani soccorrono il giovane Berretta, un giullare che si guadagna da vivere andando di castello in castello a intrattenere con canti e storie di paladini le corti signorili di Maremma, malmenato e derubato dai mercanti di strada. I frati lo portano con loro a Prata dove, durante una cena nella sala del palazzo, alla luce delle torce, Berretta conosce la splendida consorte del signore del luogo, la giovanissima Pia di Ranuccio Malavolti. Per conquistarla il bel giullare abbraccerà il mestiere delle armi, in un turbine di intrighi e avventure che hanno come sfondo la turbolenta storia toscana del Duecento.
La storia è emersa da un misterioso fascicolo, ritrovato dallo stesso Mario Sica all’interno di un codice riferito all’ambito cistercense di San Galgano e custodito nella Biblioteca Comunale degli Intronati di Siena. Costituito da una ventina di pagine scritte recto e verso, il fascicolo è redatto in volgare in una minuta e confusa scrittura trecentesca e reca il titolo Ricordanze di Placido Abbate Sancti Galgani da me Messer Ranieri ricolte ad utile consiglio de’ giovani. Una storia vera dunque, che l’autore dichiara di aver solo tradotto nell’italiano odierno e romanzato laddove l’andamento asciutto di cronaca lo richiedeva. Una storia che permetterà finalmente di penetrare il mistero della Pia de’ Tolomei: figura evanescente nel poema dantesco, qui personaggio storico a tutti gli effetti.