Carlo Verdone

Carlo Verdone nasce a Roma il 17 novembre 1950. Già da bambino ha avuto modo di avvicinarsi molto al mondo del cinema grazie al papà, Mario Verdone, celebre storico del cinema, docente universitario, a lungo dirigente del Centro Sperimentale di Cinematografia e alle di lui frequentazioni con i registi più affermati quali Pier Paolo Pasolini, Michelangelo Antonioni, Roberto Rossellini, Vittorio De Sica.
Nel 1972 si iscrive al Centro Sperimentale di Cinematografia e nel 1974 si diploma in regia. Nello stesso periodo inizia un’esperienza di burattinaio presso la scuola di Maria Signorelli. Vengono fuori tutte le sue doti vocali e dimostra grandi capacità sia nell’imitare che nel divertire il pubblico. Durante l’università Verdone inizia come attore con il “Gruppo Teatro Arte” diretto dal fratello Luca. Nel 1974  recita in Quel movimento che mi piace tanto di Franco Rossetti, e svolge qualche altro piccolo lavoro con Zeffirelli e alcuni documentari per la Presidenza dei Ministri. La svolta arriva con lo spettacolo Tali e quali in scena al teatro Alberichino di Roma dove Carlo Verdone interpreta 12 personaggi, quelli che poi rivedremo, anche se rivisti e corretti, nei suoi film e prima ancora nella fortunata serie televisiva Non stop in onda su Rai Uno nei primi mesi del 1979.
Come regista di se stesso Carlo Verdone ha conquistato le platee con L’amore è eterno finché dura con Laura Morante e Stefania Rocca, Al lupo, al lupo con Sergio Rubini e Francesca Neri, Maledetto il giorno che ti ho incontrata con Margherita Buy, Compagni di scuola con Eleonora Giorgi e Christian De Sica e Borotalco con gli stessi attori.Tra i film che lo hanno reso famoso diretto da altri registi ricordiamo Grand Hotel Excelsior dove è stato all’altezza dei grandi Adriano Celentano, Enrico Montesano e Diego Abatantuono e Manuale d’amore con Luciana Littizzetto e Silvio Muccino.

vedi anche